"E VERE AMICI"


 

E VERE AMICE

Guagliù!...
Ogge me pare aiere
ca eremo sturiente
e 'nc' 'ncuntravamo â scola.
Ciente pensiere e mille fantasie
eramo ognuno 'e nuje
nu tribunale d'ammore
e d'alleria, e sì quacche vota
'o riavulo mieze a nuje
'nce ha mmiso 'o dito...
pe' 'nce fa' separà
nun c'è riuscito, e mò!...
Da luntano ce guarda
sta' murenno 'e mmiria
sta' schiattanno!...
Ha capito... ca cu nuje
nun ce stà niente 'a fà.
Simmo amice
no' p' 'o scopo, ccà...
è 'mpiantata 'a semmenta
d'e stima e cumprenzione.
Guagliù!... Quase miezo seculo
è passato ca ce canuscimmo
e 'sta rimpatriata cunferma
'a verità. Pecchè addò nce sta'
sincerità, regna ll'ammore.
E pe' cchesto sì fisicamente
ogge manca quaccuno
e 'a forza d'a natura ca p' 'o mumento
'nce ha vuluto separà.
Ma che fà... Guagliù!... Brindammo
Brindammo all'amicizia
pure pe' ll'aldilà.


Per gli amici
Questo cappello poetico non ha la pretesa di definire meglio il termine amicizia, ovunque conosciuto e riassunto nella mitica frase : " chi trova un amico trova un tesoro!" Tanti anni sono trascorsi da quando essa è nata tra noi, ci sono stati momenti di tensione, divergenze d'opinioni, discussioni varie " tutte superate,"posso dire serenamente, perché tra noi ha regnato sempre quel briciolo di umiltà, proveniente dal desiderio, di evitare qualunque ostacolo la potesse incrinare. La odierna rimpatriata lo dimostra ma lo confermerà solamente se essa sarà una tappa e non il punto d'arrivo del lungo percorso di una vita basata sulla sincera amicizia.

Ritorna ai titoli