"A VICIENZO"

Dedico questi versi, a Vincenzo Aloia.


 

 

   A Vicienzo

‘o cumpagno ‘e core.

Incurabile spitale ‘e Santità.

Ccà dinto, sò  cinche secule
miedeche, ‘nfermiere e scenziate
cumbattono contr’ a “signora nera”
p’ ‘o bbene ‘e ll’umanità.

Dint’ ‘o reparto ‘e mmericina
Ce stà Vicienzo, pe’ ll’accertamente,
tene ‘o core capricciuso
fa’ nu poco ‘o ballerino.

Dint’ ‘o lietto affianco
nu drogato assaje malato
è addeventato pella e ossa
e tene quase ‘o culo â fossa.

Dint’ ‘o lietto ‘e rimpetto
‘nu vicchiariello…
ha fatto ‘o biglietto
p’ ‘o munno a verità.

Vicienzo che pacienza!..
ommo semplice e sincero
senza schifà a nisciuno
cunforta a chi sta pe’ partì
c’ ‘o treno ê ll’aldilà.

 

Cu sti vierze Viciè…
nu piccolo encomio
t’aggio vuluto fa’,
pecchè tu aiuta all’ato,
senza nce penzà.

  Ritorna ai titoli