"A' NAPULE"


Ritorna ai titoli

       A Napule       
Dopp’ ‘o tramonto culor d’oro
fore â scugliera d’ ‘a rotonda Diaz
s’è affacciata ‘a luna p’ ‘a nuttata
ha stiso ‘o manto d’ argento vivo.
E mentre ncopp’ ‘a ll’onne
senza mmiria sta a brillà
ha ditto: “Tina Piccolo,
tu sì…‘o sole d’ ‘a puisia,
sì ‘o sole ‘e sta città”. 
Pò scurnosa s’ è annascusa
areto ‘e nuvole
e  se ne gghiuto a cuccà.  
Piccolo,  in una notte a Napoli.