"E PPAROLE"


 

  ‘E pparole
 
So’ tant’ anne e pare aiere
ca  fu scritto ‘nfaccio ‘o muro:
pace, amore e libertà.
Ma  ‘nu sciuscio ‘e viento
fu comm’ ‘a ‘nu turmiento,
cancellaie ‘sti pparole
e nun restaie cchiù niente.
E  ‘o munno nun se scorda
fu pe ‘na missione ‘e pace
e se facette n’ata guerra.
Chillu  calculo sbagliato
proprio dint’ ‘a nu mumento,
‘na bomba “intelligente”
distruggette tanta gente,
N’ata guerra mò è scoppiata
è ‘na guerra senza bombe
tanta ggente s’è mpazzuta,
pe’  ‘sta leggia ca se’ vò fa.
Se dice: ca ‘a “D.I.C.O.”
è ‘na leggia ‘e libertà.
Ma mettimmancello ‘ncapa
int’ ‘a cervella ca ll’ommo
l’ha criato Ddio nopp’ ‘a terra,
chesti guerre anna fernì,
‘a dint’ ‘o core ê ll’uommene
‘stu  riavulo add’ ascì.

Ritorna ai testi