"L'EURO"


 

L'euro

Quaccuno me po' dì
che so' antico...
ma tengo nustalgia d' 'a vecchia lira.
Fetente e maltrattata, 'a mille lira...
'a devo 'o putecaro pe' accattà
pane, pasta e latte
me purtave robba 'e primm' 'a necessità
e mentre me ne jevo
buongiorno e grazie me diceva.
Mèza stracciata, azzeccata e mmédecata...
'o fruttaiuolo me regneva 'a borza
l'amico d' 'a  campagna
nun m’aveva chiù che dà...
ah... chella mille lira, che sapeva fa’!
Muglierema diceve: "Ih, che bellezza,
e mò... tutto 'sta robbà, addò 'a mettimmo?"
Vruoccule, friariélle e cavulusciore,
mprufumavene l’aria d' â campagna...
e 'a casa  era na festa.
'A lira ll’aggio sempe spaccata
pecchè facevo 'a lista 'a sera
pe' chella ca 'a matina eva accattà.
Quase quatt'anne so' passate
ca 'a lira nce ha lassata...
ma da quann' è ascìuto ll'euro
'o stipendio è deventato 'a mità
e nun se pò cchiù campà.

Ritorna ai titoli