"SENZA CASA"


 

Senza casa

Campanno a bbon ’e Ddio
tenenno 'a casa a cielo apierto
facenno nu servizio a ccà e a llà
s'abbuscà 'o ppane justo pe magnà.
C' 'o lietto e 'o matarazzo miez' 'a  via
marito e mugliera stanno int' 'a miseria
'a ggente 'e vvede e resta indifferente.
Nu juorno ca i' passavo a parte 'e llà 
'e sentett' 'e rirere e pazzià:
ma commè, chiste rideno!..
E m’accustaje pe' curiusità.
Vedette 'o marito lindo e pinto
e 'a mugliera  ll'allisciava...
e cu semplicità... lle diceva:
" Statte attiento a nun te spurcà!"
Ggiesù penzaje...
i' nun voglio filosofà, nun serve!..
Ma spiecateme pecchè:
'nce stanno coppie cu ricchezza...
casa 'e lusso... e tanta cummudità
nun so' felice... e perdeno 'a dignità.


Scene di miseria quale quella di gente che vive all' agghiaccio
abbandonata sotto i ponti sono ormai scene di tutti i giorni.
Ma quello che ci colpisce di più è l'indifferenza di chi osserva
e non fa nulla per alleviare le pene di questi derelitti.

              Ritorna ai titoli